La GentoxChem ha sviluppato nel settore cosmeceutico il suo primo prodotto, uno schermo solare di nuova concezione, basato sulle nano-particelle di lignina di cui si è già accennato in precedenza. Andando leggermente più nel dettaglio, è bene ricordare che la lignina è il componente più abbondante del legno assieme alla cellulosa, ed è un materiale di scarto nell’industria cartaria e in altri processi di lavorazione di materiali ligno-cellulosici, oltre ad essere anche un refluo nelle produzioni agricole. La lignina possiede già la proprietà di assorbire parte delle radiazione ultravioletta allo stato naturale, in quanto si tratta di un polifenolo. La GentoxChem ha sviluppato una tecnologia, di cui è proprietaria, per ottenere a partire dalla lignina nativa di scarto, delle micro- e nano-particelle. In questo nuovo stato fisico, alcune delle proprietà della lignina divengono più intense, come ad esempio la capacità di assorbire la radiazione ultravioletta. Infatti, Nello stato nanostrutturato la lignina assorbe l’intero spettro di radiazione UV. Sulla base di questi dati, è stata sviluppata una nuova linea di schermi e creme solari, particolarmente adatta ai bambini e alla preservazione dell’ambiente, nei quali i principi chimici tradizionali (indicati spesso dalla comunità europea come tossici e pericolosi) sono, in pratica, sostituiti dal legno. “L’ombra degli alberi nella tua crema solare” è stato lo slogan pubblicitario che ha permesso alla GentoxChem di essere premiata come migliore idea innovativa nell’ambito del programma START CUP LAZIO.